immagine Scendo un attimo

Scendo un attimo

Ogni tanto sento il bisogno “di scendere”: di smettere i panni di professionista e di rimettere quelli di uomo.
Tutte le volte che ci riesco, tolgo la giacca, sfilo la cravatta e guardo il mio mare. Allora mi siedo sugli scogli e, tra un’onda e l’altra, riprendo pian piano possesso dei miei sensi, anestetizzati dall’efficienza e dalla performance.
Gli parlo,al mio mare, come parlerei a mio padre e gli chiedo consiglio.
Immancabilmente lui mi risponde di guardare dentro a quegli occhi e di sporcarmi le mani di vita, di avere paura ogni tanto, che non bisogna essere coraggiosi per forza, e di piangere se c’è da piangere.
Io ci provo, ogni tanto ci riesco, e sono un po’ più forte di prima e un po’ più fragile di prima.
Sorrido meglio.
In fondo è tutto qui.

Annunci

3 comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...